Sotziu Limba Sarda -Associazione culturale in difesa della Lingua Sarda-Articoli coperti da ©copyright

 
 
 

 

 




DOCUMENTOS DE POLITICA LIMBISTICA


23/07/2005
Polèmicas

"Sa Regione at faddiu sa polìtica culturale"

Editores sardos contras a sos sèberos de s'esecutivu regionale


17/07/2005
Cummissione Ortografia Unitària

Proposta de Bolognesi

Contributu de su linguista de s'universidadi de Groninga po s'organismu chi s'est reunidu su 15 de treulas po sa de duas bortas.


15/06/2005
Documentos de Polìtica Limbìstica

Ortografia unitaria della lingua sarda
de Roberto Bolognesi- Rijksuniversiteit Groningen/Universiteit van Amsterdam
Bolognesi at sterriu e s'at donau s'intradura a su traballu chi at a presentare in sa cummissione de Soru. Un'esclusiva de non pèrdere po su Sòtziu Limba Sarda e Diariulimba. 


14/06/2005
Sèberos de imprenta - Unione Sarda 

Sardos, minoria limbistica prus manna de s'Itàlia
de Giuseppe Corongiu
Datos de su ministeriu de s'Internu e chi faghent pensare. Sos sardos semus 1 milione e 269 miza e superamos furlanos, artuatesinos e francofonos. 


20/05/2005
Documentos de polìtica limbistica

S'atu fundativu de sa cummissione bis

Sa delibera regionale de incarrigu a 8 catedràticos e 2 nugoresos


11/05/2005
Politica Limbistica

Diretòriu po sa limba ?

Como est ufitziale. Sa Regione at incarrigau sa segunda cummissione. Obietivos: fàere una chirca sotziulimbistica, una norma ortogràfica e isseberare sa limba ufitziale de sa Regione. A cunfrontu LSU, Limba de Mesania e variedades naturales. 


27/04/2005
Polìtica limbìstica

Naschit sa segunda cummissione

Segunde indiscretziones su presidente Soru at detzisu is nòmenes de sa cummissione chi at a dèpere torrare a manizare sa LSU e fissare una norma ortogràfica de totu sas variedades. 


18/04/2005
Documentos de polìtica limbìstica 

Soru: voglio una lingua unica in uscita dalla Regione

Riportiamo l'intervento del Presidente della Regione al Premio Ozieri di ieri nel quale annuncia le future strategie della Regione in materia di unificazione linguistica. Annunciata la formazione di una nuova commissione di esperti. La LSU subisce un colpo mortale? 


14/04/2005
Documentos de polìtica limbistica

IRS atacat sa LSU e s'ULS de Aristanis

In sos urtimos annos in Sardinia calicunu politicu a provadu a ponner manu a sa situazione linguistica de su sardu arribande a una proponida tzirriada LSU . Segundu nois atteros sas maneras non suntis istadas bonas pro nudda e fintzas pagu scientificas. iRS, su movimentu nostru, si impegnada a esser contra 'e custa proponida e a sighire trassas prus democraticas (chi suntis istadas giai proponidas) chi tenzat in contu sas variantes de su logu. 


09/04/2005
Documentos de polìtica limbìstica

Woityla: "Diversidade e identidade sunt valores"

Papa Giuanne Pàulu II est in custas dies onorau e ammentau in totu su mundu. Issu fut meda acanta a is probremas de is limbas minoritarias e si fut interessau fintzas de sa limba sarda nando ca fut una limba bella ma ca no dda intendiat meda in bucca a prides, pìscamos e cardinales sardos. Poite? Ca sa Cresia in Sardinnia at acabbau giai de tempus meda de èssere "catòlica" chi cheret nàrrere "universale". Isperaus mengius po cras...In tantu pùblicaus unu documentu de importu iscritu dae su Papa in su 1988.  


08/04/2005
Dibbatu in Consillu Regionale

Cultura sarda truncada sena ispera

L’Assemblea regionale ha proseguito l’esame della legge Finanziaria proposta dalla Giunta regionale.  


04/03/2005
Positzione de su Sòtziu Limba Sarda

Berlusconi aiuta la lingua sarda più di Soru?

La politica culturale del Governo Regionale e della maggioranza che lo sostiene è palesemente basata sulla discriminazione sociale e politica della lingua sarda e dell’identità nazionalitaria del popolo sardo. I segnali in questi mesi sono stati numerosi, ma il voto contrario agli emendamenti ai capitoli della legge 26, avvenuto ieri in commissione bilancio, lo conferma ulteriormente.


04/03/2005
Finantziaria in sa cummissione regionale

Tzentrumanca: nudda dinare a sa limba
de Peppe Corongiu
Sa majoria chi sustenet a Renato Soru at giau eris unu corpu mortale a sa lege 26. Bocciaos sos emendamentos de muda, abbarrant is taglios. Pro s'imprus si nche sunt giustificaos ca tocat de fàghere sacrifitzios pro ca mancat su dinare. E puru ant agatau 3 miliones e mesu de euro pro isponsorizatziones isportivas e àteros 3 pro sos apariciadores de ispetàculos (jazz in conca). Ma, pro bona sorte sas eletziones sunt a prope e sos amantiosos de sa limba ischint a chie non votare...


28/02/2005
Lìtera aberta a Soru e a Pilia

Limba: lassade sas trampas e faeddade giaru !
de Nanni Falconi
Bois m'azis nadu, in campagna eletorale, chi sa créschida economica de una zente andat impare cun sa créschida curturale sua. M'azis cumbintu a bos votare nèndemi chi su tempus benidore de sos sardos fit in su ismanniamentu de su siddadu de sa curtura sua, e duncas de sa limba, chi est sa parte piús manna de custa curtura. Diat èssere menzus chi custa amministrascione lasset sas trampas e faeddet giaru, e chi non tratet sa limba sarda comente onz'ateru argumentu e faina chi isboligat; ma chi apat a s'imbesse una abbaidada piús atenta chi sa limba est su sinnu piús mannu de s'identidade sarda. Eo creo chi oe bi siat cumbenièntzia politica a amparare e ismanniare sa limba sarda. Bois, non lu creides? Faghidemilu a ischire si no est gai e già nd'apo a tènnere contu a tempus suo. 


25/02/2005
S'Aes e sos gastos pro s'editoria truncaos

Un sistema culturale integrato
de Mario Argiolas
La Giunta Regionale vuole riqualificare la spesa. Nulla da dire. Sono i tempi e i modi che sconcertano. Noi poniamo un'esigenza di certezza del diritto, di corretto funzionamento delle istituzioni rappresentative. Occorre sgombrare il campo dai pregiudizi e dai falsi miti. I pregiudizi più ricorrenti sono questi: editoria assistita, contributi a pioggia, questuanti della cultura, buona e cattiva editoria, libri che a leggerli è un martirio, libri inutili e chi più ne ha più ne metta. I miti che tornano e ritornano sono il mito del mercato e dell'esportazione, il sostegno ai grandi Enti e Istituzioni e all'editoria d'eccellenza come volano per lo sviluppo. Il mito dell'esportazione ha origini lontane. E' stato di recente rilanciato e ha ottenuto un grande successo, pare, nell'ambito dei gruppi consiliari della maggioranza. Peccato che rappresenti appunto una facile scorciatoia ai problemi, una pura illusione. Il mito dell'eccellenza poi è veramente singolare. Farci affidamento come sardi è davvero troppo. Ci siamo forse dimenticati che siamo noi che abbiamo coniato il concetto delle "Cattedrali nel deserto"? Orientare la spesa solo verso le grandi istituzioni, pensiamo all'Università e al Teatro Lirico, solo per fare due esempi, non è lungimirante. Ci farebbe fare un grosso passo indietro. E pensiamo anche a che cosa sarebbe oggi l'Università sarda senza la spinta proveniente dall'esterno. Non ci scordiamo certo che ci sono voluti quasi trent'anni perché l'Università accettasse di occuparsi di lingua sarda.  


14/02/2005
A Sòrgono (NU) convegno con l'assessore regionale

Pilia: "Non protestate, anche il jazz fa parte della cultura sarda"
de sa Redatzione Diariulimba©
Con questa battuta la titolare della Pubblica Istruzione Regionale Elisabetta Pilia ha risposto a chi criticava la politica culturale regionale durante il convegno "Sa limba, una questione ancora aperta" organizzato domenica scorsa da una nutrita schiera di enti pubblici del territorio. L'assessore ha incassato il plauso della platea politicamente amica, ma non ha convinto gli operatori del mondo della lingua. Critiche sui tagli di 4 milioni di euro, su ruolo delle consulte, sull'impasse della scelta della lingua ufficiale. Non ha convinto neppure la presunta difficoltà di curricolarizzare l'ora di sardo a scuola per "rispettare le autonomie scolastiche". 


08/02/2005
Ipse dixit - Renato Soru e la lingua sarda

"Teniamo in altissima considerazione la limba e faremo una scelta"

"Facciamo una politica che tiene in altissima considerazione la storia, la cultura, i valori della Sardegna, la sua lingua, la sua diversità. Lo facciamo per un motivo culturale, per un motivo morale, ma anche perché in questo mondo moderno, in questo nostro mondo contemporaneo è ormai ampiamente condivisa l’idea che la diversità sia una ricchezza.Tutto quello che è diverso ha un valore anche sul piano economico. Per questo difendiamo l’ambiente, difendiamo la cultura, difendiamo la storia, difendiamo la nostra lingua, cercando di portare a compimento quella battaglia che non è ancora vinta dopo la legge 26 sulla lingua. La legge c’è, ma il suo iter è stato interrotto, non si capisce perché. Per attuarla, ccorrerà fare una scelta, sarà una scelta che dispiacerà forse a qualcuno, ma occorrerà farla perché continuare a rimandare significa impoverimento della nostra lingua. Una lingua diversa è un valore importantissimo per una nazione, per un popolo. Rappresenta un modello originale anche sul piano economico. Chi viene in Sardegna trova una lingua diversa, che si articola diversamente, sente una parlata diversa, sente una musica diversa. Tutto questo ha un valore anche economico ed è per questo che quella battaglia non deve essere persa". 


27/01/2005
Bilanciu 2005 – Taglios seguros   

Corfu a sa limba!

4 miliones e mesu de euros leaos a limba, cultura e identidade. Su Guvernu regionale at decrarau ca cheret un’identidade forte cun sa limba e nois seus seguros ca ddue at unu disinnu de fàere su chi ses promitiu. Ma sos sèberos de custu bilanciu propiu non ddos cumprendeus e isettaus chi Giunta e Consillu Regionale curregiant su chi ddue est de currègere.


08/01/2005
Su dinare de sa Regione po sa limba
 

A in antis iscola e universidade, frimmaos editores e media
 
Sa Giunta Regionale ghiada de Renato Soru at aprovau unos cantos provvedimentos in favore de sa polìtica limbìstica po is iscolas, universidade, comunes e sotzios. At bloccau in tames sas detziduras de impigniu po s'editoria e sos programmas in limba in radiu, tv, giornales e internet. Chirca sotziulimbistica afidada a s'universidade. In perìgulu sos lìberos de sa Cuec (chi ocannu at pubblicau sos artìculos de su professore Lilliu), sa cannaca Paberiles de Condaghes e sas produtziones identitarias de Domus de Janas. In fortzis programmas radiu-tv connotos chi ispainant sa limba in Sardigna: "Visiones" de Sardegna Uno, "Andalas de Imparu" de TCS e "Allui su Contu" de Radiu Press.


24/12/2004
Su dibattu po su Dpef in Consillu Regionale
 

Una perra de limba intrat in su Dpef

Ma s'assessore Pigliaru bloccat s'inserimentu de sa limba in sos printzipales indiritzos istrategicos de su Guvernu Sardu. Rifondatzione (Pisu e Licheri) e Progetto Sardegna (Chicco Porcu) si ischierant po sa limba e votant a favore de unu pianu pro sa polìtica limbistica. A su nessi est passau su printzipiu chi <Is temas de sa limba sarda e de sa cultura identitaria sunt ligaos de intragnas e costituint una prioridade po sa Regione>. Grandu ativismu de sos sardistas Iscarpa e Atzeri. 


15/12/2004
Su parre de Diariulimba
 

Note sulla questione della lingua sarda nel DPEF regionale
de Giuseppe Corongiu
Nonostante le dichiarazioni di principio fatte in più occasioni, la bozza di Documento di Programmazione Economico-Finanziaria approvata dalla Giunta Regionale il 4.11.2004, è piuttosto insoddisfacente e lacunosa nelle scelte che si rilevano in materia di identità, lingua e cultura. L'impressione generale è che il Governo Regionale sia in fase di riconversione per ciò che riguarda il problema della lingua, un concetto del tutto assente in campagna elettorale. E' tempo però di passare alla fase operativa e propositiva così come è doveroso per chi è stato scelto dai sardi per governare. Nella competizione con le grandi lingue di mediazione la nostra lingua è debole e perde terreno ogni giorno. E' dal settembre 2003 che la Regione, su questo tema, è in fase di stallo. 


03/12/2004
Consigiu Regionale-Esclusiva de DiàriuLimba !!!
 

Minimaos sos taglios a sas iscolas
de Peppe Corongiu
A votu a craru e a s'unanimidade sos parlamentares de bia Roma ant votau un'emendamentu a s'assestamentu de bilantziu, presentau dae su sardista Beniaminu Iscarpa, chi at limitau sos taglios a su finantziamentu de s'imparu de sa limba in sas iscolas. In sos bancos de sa majoria s'est pesau e at foeddau Pàulu Pisu, sìndigu de Làconi e consigieri de Rifundatzione Comunista, chi at impignau is partidos de guvernu a sighire custa chistione. Su Sotziu Limba Sarda, assotziu de amparu de sa limba, esprimet cuntentu po custu sinnale de disponibilidae e torrat gratzias a totu is consigieris regionales chi ant mustrau aficu a sa chistione.


15/11/2004
In pagas dies cumprit una grandu novidade 

Soru s'impignat pro sa limba

Renato Soru est andau a cungressu cun sos sardistas e at leau impignu pro s'azudu de sa limba. In prus, su presidente de Seddori at assiguradu chi sas lezes de su bilinguismu ant a èssere applicadas in totu, e chi su sardu at a èssere "limba ufitziale de sa Regione". Decraratzione tàtica pro custringhère sos sardistas a intrare in su guvernu? No si est beru su chi at iscoviadu Paulu Pillonca in s'abboju de Sèdilo. 


03/11/2004
Assestamento
 

Lingua sarda sempre più "tagliata"?

Riportiamo qui alcuni documenti sui tagli al bilancio effettuati dal governo regionale per risanare i debiti. La preoccupazione è che forse la mannaia che si è abbattuta sugli investimenti impiegati per la lingua e l'identità sarda non sia stata equa rispetto ad altre spese culturali, ritenute a torto più "utili". 


20/10/2004
Literas
 

"Che cosa sto facendo per la lingua"

Di Elisabetta Pilia, assessore regionale della Pubblica Istruzione.


11/10/2004
Rassigna de s'imprenta / www.sardinews.it 

Pilia: "Cultura non é lo studio della lingua sarda"

Dichiarazione shock dell'assessore regionale della Pubblica Istruzione al periodico diretto da Giacomo Mameli. Qui l'intervista completa. 


30/07/2004
Su guvernu regionale e sa polìtica limbìstica
 

Soru e su saludu in limba
de Peppe Corongiu
Tocat a èssere sèmpere a tonu cun sa realidade, e a no fàere mai su protzessu a is intentziones. Su traballu de su guvernu de Soru, in fatu de limba, andat averiguau e legitimmau die pro die, comente at nau issu etotu in sas decraratziones a su Cunsigiu.


07/07/2004
Sa prima essida de s'assessora Pilia a pitzu de sa limba 

"Limba? Est de importu, ma paris cun àteras cosas"
de Lìberu Massaju
Elisabetta Pilia, dirigente bibliotecàriu de s’universidade de Tàtari, est assessora regionale a s’Imparu Pùblicu. S’at a dèpere ocupare de polìtica limbistica.


07/06/2004
Eletziones regionales e politica limbistica 

"Che cosa ho fatto per la lingua sarda"
de Beniamino Scarpa - Candidato al Consiglio Regionale nel collegio provinciale di Sassari nelle liste Psd’az già Assessore Regionale alla Cultura
In campagna elettorale tutti parlano di cosa faranno. Io voglio raccontarvi quello che ho già fatto. Si fa sempre un gran parlare delle risorse della nostra isola senza citare mai, o citandola solo per dovere, la Cultura. Figuriamoci poi la Lingua Sarda. E’ sempre la Cenerentola di tutti i programmi. Spesso una concessione in fondo alla pagina.