SU GIASSU
Domo
Ite est Diariulimba
Sa gerŔntzia de Diariulimba
Su S˛tziu Limba Sarda
Organigramma de su S˛tziu
LINKS
ARCHIVIU annu pro annu 
Pro retzire sa lýtera de noas
ISCRIENOS
diariulimba@sotziulimbasarda.net



Diretore:  Micheli Ladu - Editore: S˛tziu Limba Sarda
CHISTIONES

15/12/2008 
ToponomÓstica in N¨goro: cr˛naca de una birg˛ngia annuntziada 
S’iscÓndalu mannu costadu in N¨goro pro sa toponomÓstica bilingue est una pelea chi si podiat transire. Polýticos e dirigentes fiant giai avisados, ma no ant chertu intŔndere a niune e andare a in antis. Sos resurtos como sunt a dae in antis de sos ogros de totus. Dannos pro sa limba, dannos pro sa tzitade, dannos a s’amministratzione comunale chi nde essit iscorrada de a beru.

Sos fatos. Sa comuna nugoresa detzidet de annoare n¨menes e targas de sas carreras e pratzas de sa tzitade. Bene custu, una proa de balia. No est fÓtzile a fÓghere sa toponomÓstica bilingue, ma sos nugoresos bi tenent e si punnat a la mantŔnnere. Finas a inoghe totu bene. Ma sos responsabiles de s’ufýtziu de su trÓficu chi depent cumprire su traballu ite faghent? Chircant carchi espertu de giudu pro l˛mpere bene a s’obietivu e non fÓghere cosas a sa grussa? Nooo, tzertu. Semus in Sardigna e si tratat de limba sarda. Duncas totus nd’ischint e totus si nde podent ocupare. Semus totus linguistas comente insýngiant barberis e dentistas ingarrigados dae s’Unione Sarda, in custas ¨rtimas chidas, de apetigare su terrinu de sa Lsc.

A cantu paret, in N¨goro, totu su degollu si depet a unu dirigente presumidu chi aiat naradu chi issu connoschiat bene su su sardu, mŔgius de totus. Megius finas de unu espertu famadu chi nch’aiant bogadu dae sa cummissione de sa toponomÓstica ca cheriat fÓghere su traballu comente si depet, e mŔgius finas de s’ufýtziu linguýsticu comunale chi no l’ant mancu carculadu. Bravos, bella resessida ais fatu sena iscurtare chie campat de custu traballu e forsis podiat dare cussýgios bonos. De si bortare a s’ufýtziu linguýsticu de sa provýntzia, posca mancu a nde “faveddare”. EbŔ, semus nois de sa comuna chi ischimus totu.

S’avolotu chi si nd’est pesadu est istadu sa consighŔntzia de custos sŔberos. E sa faddina prus manna no est istada mancu cussa de Óere iscritu “bia” in tames de “carrera”, o “ribu” in logu de su n˛mene de tzitade “Fiume”, ma de Óere iscritu sos n¨menes in sardu minores e intre virguleddas comente chi su sardu siat, e forsis est in conca de custa gente, una limba folclorýstica pretzisa pro iscrýere non in limba, ma in “dialetto”. Semper e cando in N¨goro nd’est essidu a campu unu campionÓriu de comente non si depet fÓghere una toponomÓstica bilingue.

Posca sa Nuova Sardegna, giornale a parusu sard˛fobo nd’at aprofitadu pro imbrutare de ludu totu: sa limba, sa tzitade e s’idea matessi de toponomastica bilingue. MŔgius de gasi…

A su sýndigu de N¨goro sos complimentos e aug¨rios de Diariulimba pro su servýtziu mannu ap˛rridu a sa limba sarda.





Dae su blog de Gianfranco pintore

giovedý 11 dicembre 2008

Scandaloso: Rijeka (fiume) in sardo diventa Ribu

Un cronista se la prendeva ieri con il pressapochismo del Comune di Nuoro per gli errori commessi in alcune nuove targhe della cittÓ: "Un disastro la segnaletica bilingue", scriveva. E cita un paio di casi di cialtronismo allo stato puru: Valerio Catullo Ŕ chiamato Carlo anzichÚ Gaio, un prelato Ŕ chiamato "monsigmore, Nuoro Ŕ cambiata di sesso in Nuoro Nuovo. In effetti, l'operazione del Comune di attribuire alle vie il doppio nome in sardo e in italiano, da splendida decisione di democrazia linguistica e di riconquista di identitÓ rischia di trasformarsi, per l'improvvisazione di qualcuno, in un disastro.
A cominciare dalla peregrina idea di mettere i nomi in sardo fra virgolette. Mentre la strada dedicata al prelato Ŕ scritta in grande, si pure con l'errore nella qualifica "monsigmore", quella in sardo Ŕ della metÓ pi¨ piccola e tra virgolette ("Bia Zoseppe Melas mossennore"), come si fa con le parole straniere, quando non si pu˛ fare a meno di scriverne. Ma nel quotidiano non Ŕ questo in contestazione (e come potrebbe esserlo, visto l'atteggiamento di quel giornale nei confronti della lingua sarda, naturalmente definita logudorese?). E valeva la pena di dedicare una intera mezza pagina a qualche errore nella toponomastica? E di mettere il tutto nelle pagine che vanno in tutta la Sardegna, invece di relegarlo in qualche pagina provinciale come capita quando la penuria di articoli costringere a pubblicare qualche articolo non prevenuto sulla lingua sarda?
Certo che sý, visto che sý Ŕ osato niente di meno che trasformare Via Fiume in "Bia Ribu" (tra virgolette, naturalmente). Ecco dove duole il dente e l'ironia del cronista da il meglio di sÚ: "Che il nome della cittÓ istriana di Fiume si possa tradurre con il luogudorese źRibu╗ (con tanto di maiuscola) agita gli abitanti di via Malta: temono di vedere la loro strada rinominata in via źMarta de carchina╗." Un errore, certifica il cronista: "Purtroppo per˛ lo spessore degli errori Ŕ andato aumentando: (...) E poi Carlo Catullo, Bia Ribu, e chissÓ quanti altri da scoprire". L'ironia, si sa, chiede venia della crassa ignoranza.
In italiano, la cittÓ croata di Rijeka ha preso il nome di Fiume (questo vuol dire in quella lingua. Del resto, gli italiani hanno persino rinominato Stilfser Joch lo Stelvio, per non dire di Ilune battezzata Cala Luna, Golfo de li ranci Golfo Aranci, Maluventu Maldiventre, Garteddi Galtellý e cosý via. Malta Ŕ tale in maltese, non solo in italiano e anche in sardo. Rijeka Ŕ tale in croato, diventa Fiume in italiano. In sardo due potevano essere le scelte: o rispettare il suo nome originario (ma li avresti sentiti i revanscisti di ogni colore) o tradurlo in sardo. Dov'Ŕ lo scandalo, se non nella mente di chi pensa che quanto Ŕ consentito fare in italiano, non lo sia in sardo? Lingua da mettere fra virgolette.






"Errore marchiano" tradurre Rijeka in Ribu
"Errore marchiano". Tradurre il croato Rijeka nell'italiano fiume, va bene, tradurlo nel sardo ribu non solo non va bene ma Ŕ un errore marchiano e concettuale. Parola del sindaco di Nuoro, in risposta a un cronista della Nuova che lo aveva bacchettato in un articolo di qualche giorno fa. Altri, anche questo blog
, avevano fatto rimarcare un errore davvero marchiano nella sistemazione delle targhe bilingui a Nuoro: il nome italiano delle vie Ŕ a grandi caratteri, quello sardo Ŕ non solo di dimensioni dimezzate ma anche tra virgolette.
Il nome sardo, insomma, una innocente bizzarria folcloristica, una azione da demi viŔrge cui piacerebbe smettere di esserlo, ma non osa: il babbo e la mamma non vogliono. Al pi¨, appunto, chiudono un occhio su un flirt. Del resto che ci si pu˛ aspettare se, alle rimostranze di qualcuno per tale insulto alla lingua sarda, l'assessore competente (parola grossa) si dice abbia risposto che cosý si attira di pi¨ l'attenzione del turista? Salvo cambiare discorso infastidito quando l'interlocutore pare l'abbia preso sul serio: "Se cosý Ŕ, perchÚ non invertire le proporzioni, piccolo l'italiano, pi¨ grande il sardo"?
Che tristezza vedere un cronista sardofobo dettare la politica linguistica al sindaco di una cittÓ come Nuoro.



















 




 
 
 

 

 
diariulimba@sotziulimbasarda.net  ę sotziulimbasarda 2004-2008,"e' vietato riprodurre articoli originali o estratti da questo sito senza l'assenso della direzione"